SCACCHI

L’attività agonistica

La Federazione Scacchistica Italiana (F.S.I.), fondata nel 1920 ed eretta in Ente Morale con il compito di dirigere con unità d’intenti il movimento scacchistico nazionale, svolgendo opera di coordinamento e di regolamentazione tecnica, nonché di incremento e di diffusione dell’attività scacchistica, è costituita dalle Società sportive dilettantistiche e dalle Associazioni sportive dilettantistiche che nel territorio italiano si dedicano allo sport degli scacchi.

La F.S.I. è Disciplina Sportiva Associata al C.O.N.I., da esso riconosciuta svolge l’attività sportiva e le relative attività di promozione, in armonia con le deliberazioni e gli indirizzi del CIO e del C.O.N.I., anche in considerazione della valenza pubblicistica di specifici aspetti di tale attività. Nell’ambito dell’ordinamento sportivo, alla Federazione è riconosciuta l’autonomia tecnica, organizzativa e di gestione, sotto la vigilanza del C.O.N.I.

La F.S.I. è l’unico ente che rappresenta l’Italia presso la Fédération Internationale des Echecs (F.I.D.E.), e alla European Chess Union (E.C.U.) e, di conseguenza, è l’unico ente riconosciuto da tali Federazioni nel territorio dello Stato.

il logo della Federazione

La F.S.I. favorisce in tutti i campi lo sviluppo dell’attività degli scacchi, intesa come elemento costitutivo della cultura nazionale, e ne promuove, dirige e coordina lo studio, la ricerca e l’attività sportiva agonistica e non, in ogni sua manifestazione, nell’interesse dello sport nazionale e degli enti ad esso aderenti, nonché lo sviluppo dell’attività agonistica finalizzata all’attività internazionale nell’ambito delle direttive

impartite dal C.I.O., dal C.O.N.I., dalla F.I.D.E.

La F.S.I. regola l’organizzazione dell’attività sportiva degli scacchi su tutto il territorio nazionale, in tutte le sue forme agonistiche e non, dettando i principi che riguardano:

  • la Costituzione e l’attività delle Società e Associazioni sportive affiliate;
  • la disciplina delle attività sportive e delle competizioni;
  • la tutela della salute degli atleti;
  • l’attività, la formazione e l’aggiornamento degli istruttori, dei dirigenti sportivi e degli arbitri;
  • l’attività giovanile in tutte le sue espressioni;
  • le forme di cooperazione delle Società e Associazioni sportive con enti esterni alla Federazione.

MANIFESTAZIONI NAZIONALI

Campionato Italiano Giovanile U16

Si tratta di un campionato riservato ai giovani di età inferiore ai 16 anni, maschile e femminile, opportunamente divisi nelle seguenti fasce di età :

Allievi: di età compresa tra i 14 e 16 anni

Cadetti : di età compresa tra i 12 e 14 anni

Giovanissimi : di età compresa tra i 10 e 12 anni

Pulcini : di età compresa tra i 8 e 10 anni

Piccoli Alfieri: di età compresa tra i 6 e 8 anni

Le qualificazioni per il Campionato Italiano Giovanile U16 si ottengono durante gare a livello provinciale e regionale.

Il Campionato Italiano Giovanile U16 si svolge durante il mese di luglio in una località turistica.

Campionati Giovanili Studenteschi FSI

Si tratta di un campionato a squadre riservato ai giovani delle scuole primarie e secondarie dove si insegnano gli scacchi e il cui istituto ha partecipato a gare studentesche di qualificazione a livello provinciale e regionale.


Campionato Italiano Femminile e Campionato Italiano Giovanile U20

Si tratta di due manifestazioni distinte che si svolgono in un’unica sede di un torneo ed è aperto alla partecipazione di tutte le giocatrici italiane e a tutti i giovani fino a 20 anni di età.

Il vincitore del campionato U20 accede di diritto alla finale del Campionato Italiano Assoluto.

Marina Brunello – campionessa italiana nel 2008

Campionato Italiano A Squadre U16

Campionato riservato alle squadre di club che schierano 4 giocatori U16.

La qualificazione per la finale si ottiene attraverso gare di qualificazione a livello regionale.

Campionati D’Italia

E’ una manifestazione che comprende la Semifinale de Campionato italiano che qualifica 3 giocatori per il Campionato Italiano Assoluto.

Comprende inoltre i campionati italiani di categoria riservato alle categorie nazionali.

Campionato Italiano Assoluto – Finale

E’ la gara che chiude l’attività agonistica nazionale: 12 giocatori si affrontano in un torneo di 11 turni; il vincitore è Campione Italiano Assoluto dell’anno in corso.

Campionato Italiano Seniores

Campionato Italiano aperto a tutti giocatori di età superiore a 60 anni e giocatrici di età superiore a 50 anni.

Finale Campionato Italiano A Squadre

E’ riservato alle squadre di club di serie Master e alle vincitrici dei rispettivi gironi del Campionato a Squadre delle serie minori che si svolge nei mesi di febbraio-aprile.

Durante la manifestazione si svolge anche il Campionato a squadre femminile.

Campionato Italiano Semilampo

E’ una manifestazione aperta a tutti che si svolge in una sola giornata;

il gioco semilampo è una partita che si svolge con la cadenza di 15’ per giocatore.

Esiste una classifica nazionale specifica per questa tipologia di torneo.

Oltre a queste manifestazioni nazionali organizzate dalla FSI, esistono tuttavia una moltitudine di tornei di vario livello organizzati dai club delle varie regioni e province, distribuiti nell’arco dell’anno.

I festival di scacchi più importanti si svolgono durante il periodo estivo (Bratto, Porto S.Giorgio, Imperia).

SCACCHI PER NON VEDENTI

Gli scacchi sono una disciplina adatta ad ogni persona con una disabilità fisica;

in particolare anche i disabili visivi possono imparare e giocare in torneo grazie ad una speciale attrezzatura costruita per consentirne l’utilizzo.

La scacchiera utilizzata dai non vedenti e dagli ipovedenti, è relativamente piccola (20×20 cm). Queste sono le misure standard, ma è comunque possibile giocare con scacchiere di dimensioni maggiori. La scelta di utilizzare la scacchiera 20×20 è dettata dalla necessità di poterla toccare con entrambe le mani, ed avere una visione globale della posizione. Ogni casa della scacchiera è forata; inoltre, le case nere sono sopraelevate di qualche millimetro rispetto alle bianche.

Tutti i pezzi sono dotati di un perno, in modo da poterli infilare nei fori delle case. I pezzi neri si distinguono da quelli bianchi mediante un chiodino (di metallo o di plastica) piantato in testa al pezzo stesso.